Atlante Periferico

Esistono geografie plurali delle periferie milanesi, diversamente tracciate a seconda dei loro contenuti o temi; macro-scalari o minuziosamente iper-locali; stabili, come nella memoria dei quartieri, o mutevoli, continuamente ridisegnate dalle comunità di nuovi abitanti, da nuovi usi e nuove pratiche urbane. 

Lo spazio è il sostrato di quelle geografie: lo spazio fisico nel quale si misurano e si attraversano le distanze, lo spazio oggettivo e oggettuale degli edifici, dei cortili delle case e delle cascine, delle strade dei vecchi quartieri e delle piazze di cemento in mezzo a quelli della grande espansione, delle aree abbandonate e dei campi coltivati. 

Un Atlante è un racconto dello spazio, o meglio di una collezione di spazi. Diversamente da una Mappa, si pone lo scopo di selezionare dei materiali di sondaggio, che consentano di tenere assieme le caratteristiche fisiche di alcuni spazi e materiali urbani, la loro la dimensione temporale, il portato di storie, di immagini e di potenzialità che li rendono unici e speciali.

Atlante Periferico attraverserà le diverse geografie delle periferie di Milano, proponendosi come il racconto di una collezione degli spazi di SUPER.