Una call for proposal per finire il progetto di Renzo Piano a Ponte Lambro

Il 3 febbraio 2000, Renzo Piano firmò i primi schizzi sul "laboratorio di quartiere di Ponte Lambro", i lavori partirono a novembre 2011 e si interruppero nel 2015 a contratto risolto con l'impresa fallita. In un quartiere, comunque riqualificato grazie agli interventi in favore delle case popolari, delle urbanizzazioni, e grazie agli interventi di recupero di alcuni spazi, quel non finito è rimasto un peso.

Oggi il Comune di Milano decide di riprovarci cercando di trasformare un problema in risorsa e lancia una call for proposal, che scade il 15 gennaio, aperta a soggetti privati che possano completare i lavori iniziati e lanciare un'attività. Si potrà rivedere la disposizione degli spazi e con renzo Piano e il Comune, lavorare all'attivazione di servizi rivolti al quartiere. 

 

"Cerchiamo chi voglia prendere quei 4.000mq e trasformarli in una scuola di alta formazione, un centro di ricerca, un incubatore, un coworking, un ostello, un community hub, magari contaminando tutte queste funzioni. Il campo è aperto: innovazione, digitale, manifattura, farmeceutica, energia, ambiente, clima, informazione etc." spiega in un suo post Tommaso Goisis dell' Assessorato ai lavori pubblici e casa.

 

La call for proposals, che scade il 15 gennaio, la potete trovare qui, mentre il comunicato che spiega la seconda fase lo trovate qui.